CIVICUM nasce come Fondazione nel 2004. Il primo risultato raggiunto da CIVICUM è stato la creazione di uno standard di bilancio dei Comuni che fosse trasparente e confrontabile tra diverse realtà: strano ma vero, non esisteva. Oggi esiste ed è utilizzato dai principali Comuni italiani (21 a oggi). L’inizio è stato un deposito polveroso e metri cubi di carta: il bilancio del Comune di Milano. Dopo un paio di anni di studi e ricerche i bilanci, non solo di Milano, ma anche delle principali aree metropolitane italiane, erano leggibili con poche slide riassuntive, erano paragonabili i servizi e i loro costi, i livelli di tassazione e gli altri introiti di tali comuni, come pure delle loro principali società municipali. Fare questo è costato lavoro, collaborazioni con Istituti Universitari e Centri di Ricerca, con Società di Consulenza. Soprattutto è stata necessaria la passione e la condivisione dell’idea che questo Paese è migliorabile. La Fondazione Civicum ha fondamentalmente raggiunto il suo scopo di fornire alle amministrazioni locali uno strumento di analisi e confronto dei bilanci degli enti locali e delle sue controllate ed ha cessato di operare nel 2010. Il patrimonio di entusiasmo e di competenze accumulato dal gruppo dei fondatori e dei collaboratori volontari non si è disperso ed ha portato nel 2012 alla costituzione dell’associazione CIVICUM, che ne continua l’azione con un focus spostato sull’azione dell’Amministrazione Centrale dello Stato.