A seguire la proposta di Associazione Civicum per un seminario presso MiBACT, con la Collaborazione della Ragioneria Generale dello Stato, per presentare il Rendiconto 2013 della Soprintendenza BSAE di Milano e della Pincoteca di Brera

 

“Onorevole Ministro Dr. Dario Franceschini e pc. Ragioniere Generale dello Stato Dr. Daniele Franco, Segretario Generale arch. Antonia Pasqua Recchia,

Ci è gradito inviarLe il documento “Rendiconto 2013 della Pinacoteca di Brera” che è il risultato del lavoro congiunto della Soprintendenza BSAE e della Pinacoteca di Brera, della Ragioneria Generale dello Stato, di The Boston Consulting Group (BCG) e di CIVICUM. CIVICUM, che ha coordinato il lavoro fin dall’inizio secondo i propri principi statutari, è un’associazione di cittadini che si pone a servizio dell’Amministrazione Pubblica alla quale mette a disposizione le capacità dei propri iscritti.

Con il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, il 13 Ottobre, al Palazzo della Borsa di Milano, è stato presentato alla stampa e al pubblico l’esito del progetto, con una significativa attenzione da parte dei media. Il Dr. Gianni Bonazzi, delegato dal Segretario Generale del MIBACT, ha partecipato con un intervento di grande interesse.

La positiva reazione dell’opinione pubblica, sulla quale ci permettiamo di inviarle a parte una sintetica rassegna stampa, dimostra che i cittadini guardano con favore a operazioni di trasparenza come quella sperimentata per la Pinacoteca di Brera. Non solo, ma soprattutto grazie all’ausilio di  BCG e della Ragioneria Generale dello Stato, si è potuto dimostrare quanto la stesura di un bilancio secondo i criteri qui utilizzati può costituire uno strumento di controllo costante e di miglioramento.

Attualmente i dati delle singole Soprintendenze,  tra stipendi e gestione, sono dispersi tra più Ministeri. La novità del Rendiconto sta nella completezza unitaria dei dati amministrativi dell’ente che lo utilizza e nella possibilità di gestire in un unico bilancio tutte le entrate e tutte le uscite delle articolazioni periferiche del MIBACT non dotate di autonomia patrimoniale e gestionale. Il modello non solo è esportabile, ma potrebbe essere utilizzato in modo semplice come elemento di raccordo anche a livello centrale.

Questo nuovo modo di lavorare, coerente con i dati dell’Amministrazione Pubblica nel suo complesso, sembra inoltre in linea con le novità della Riforma del Ministero.

In questa fase di importanti trasformazioni, il Rendiconto di Brera, mostra che un’informazione unitaria è possibile, è molto più vicina alla realtà di ogni singola Sovrintendenza, mette tempestivamente in risalto situazioni di criticità e di potenzialità di ricavi non pienamente sviluppate.

Per esempio l’analisi della Pinacoteca di Brera 2013 messa a confronto con quella iniziale del 2014 chiarisce come la politica di fundraising efficace nella misura della trasparenza e come la vivacità del flusso delle entrate (visitatori, donazioni, comodati) può migliorare in relazione all’esistenza  di una programmazione delle attività e di una continua verifica del proprio  bilancio.

Nel caso della Soprintendenza BSAE di Milano/Pinacoteca di Brera, il 2014 ha visto crescere a livello esponenziale le entrate provenienti  da finanziamenti privati  e da contributi per attività culturali e mostre anche in previsione di Expo, grazie a una vigile attenzione  e a una messa a punto di metodi trasparenti. Con il beneficio di un netto miglioramento dei risultati, senza che provenissero contributi particolari dallo Stato.

Vorremmo quindi presentarLe, insieme a BCG, il primo Rendiconto di una struttura periferica, in modo che Lei possa valutarlo e, nel caso, adottarlo come modello di riferimento .

Il Rendiconto è anche un modello di raccolta dati, di riclassificazione, utilizzabile e già utilizzato dall’Ufficio Amministrativo della Pinacoteca di Brera. Può essere reso stabile strumento di gestione in Brera e può essere replicato, in enti simili, con relativa facilità grazie al semplice “Manuale per la messa in opera” predisposto da BCG.

Conseguentemente alle Sue eventualmente positive valutazioni, saremmo felici di organizzare presso il MiBACT, se possibile con la Sua partecipazione, un Seminario riservato ai dirigenti MiBACT per presentare il modello e, nel caso, affinarne la metodologia di applicazione in modo che possa essere esteso ad altre Sovrintendenze, Musei Statali e a enti simili.

Al Seminario inviteremmo anche il Ragioniere Generale dello Stato, che ci legge in copia, e che ha sostenuto questo progetto pilota fin dall’inizio.

Di nuovo ringraziandola per l’attenzione che ci ha dedicato, restiamo in attesa di un incontro con Lei, mirato al coinvolgimento esecutivo delle Direzioni del Ministero.”

 

 

Pres. Sassoli