In occasione della campagna elettorale in corso, l’Oservatorio dei Conti Pubblici Italiani, diretto da Carlo Cottarelli, mette a disposizione dei partiti politici un semplice schema per proiettare le principali grandezze dei conti pubblici nei 5 anni della prossima legislatura. Per un approfondimento dei termini usati nello schema rimando alla voce “deficit” dell’ Enciclopedia Treccani.

Se lo schema fosse adottato dai partiti, le proposte elettorali verrebbero corredate dai loro costi, delle fonti di finanziamento e delle conseguenze sui conti pubblici.

I politici dimostrerebbero trasparenza e consapevolezza delle implicazioni dei loro programmi, dando  un utile strumento di giudizio agli elettori interessati ad una scelta informata.

In una intervista a Il Fatto Quotidiano del 10 gennaio 2018, Cottarelli spiega che solo la Lista Europa+ con Emma Bonino ha fornito qualche risposta.
Noi di Civicum ci auguriamo che, con lo sviluppo della campagna elettorale, anche gli altri partiti accettino di confrontare le loro proposte con i numeri dei conti pubblici. Sarebbe una buona prova delle loro capacità di fare di conto.

Aggiornamento del 29 gennaio.
Altri partiti stanno rispondendo allo stimolo di Cottarelli. L’Osservatorio presenta sul suo sito web le risposte sugli obiettivi di finanza pubblica.