Civicum conferma il suo impegno nel campo delle istituzioni artistiche ed inaugura con l’Accademia delle belle Arti di Brera il suo primo progetto di collaborazione con un’Università Statale. L’Accademia di Brera, madre della Pinacoteca, è un’altra delle più prestigiose ed amate istituzioni della città di Milano. Arte, cultura, educazione, voglia di migliorare, competenza tecnica, convinzione che come cittadini possiamo e dobbiamo contribuire alla gestione dei beni comuni: c’è ancora il meglio dell’Italia in questo progetto.

Anche questa iniziativa nasce, come ormai ci capita sempre più frequentemente, da un’idea dei vertici dell’istituzione con la quale lavoriamo. Siamo stati infatti contattati, nella primavera del 2014, dal Presidente dell’Accademia, che ci ha proposto di incontrarci per esaminare la possibilità di collaborare su iniziative volte a migliorare la leggibilità e trasparenza dei conti dell’Accademia.

Il primo incontro si è tenuto il 22 maggio 2014, in quella sede fu deciso di lavorare alla redazione di un rendiconto trasparente per l’Accademia, sulle stesse basi sulle quali si erano i avviati il Progetto Pinacoteca ed il Progetto Tribunale di Bologna.

In data 30 giugno 2014 il Consiglio di Amministrazione dell’Accademia ha autorizzato la partenza del progetto, che partirà alla fine del 2014, con la collaborazione di A.T. Kearney.

Per finanziare il progetto Accademia ed il proseguimento del Progetto Pinacoteca Civicum ha organizzato l’asta Art for Art, al successo della quale hanno contribuito con generose donazioni delle proprie opere alcuni docenti e studenti dell’Accademia.

Nel febbraio 2015 è partito il progetto per la trasparenza dei conti dell’Accademia di Belle Arti di Brera con il sostegno della Ragioneria Generale dello Stato e la partnership tecnica di AT KEARNEY.